A.1) Ambito di applicazione

La direttiva si applica all'attività di guida (cfr. art. 1 dir) di:

- cittadini di uno stato membro;

- cittadini di un paese terzo dipendenti da un'impresa stabilita in uno Stato membro o impiegati presso la stessa;

definiti "conducenti", che effettuano trasporti su strada all'interno della Comunità, per mezzo di veicoli per i quali è necessaria una patente di guida di categorie C1, C1+E, C, C+E, D1, D1+E, D o D+E.

Dunque ai soggetti summenzionati è richiesto - rispettivameente a far data dal 9 settembre 2008 per il trasporto di persone e dal 9 settembre 2009 per quello di cose - di aquisire, o comprovare sulla base di diritti aquisiti, una qualificazione iniziale, ai fini dell'esercizio dell'attività professionale di autotrasporto nell'ambito dei Paesi dell'UE o dello SEE.

Per il conseguimento della qualificazione iniziale, la citata direttiva lascia agli Stati membri la scelta tra due opzioni:

- conseguimento attraverso la frequenza di un corso di formazione iniziale, ordinario o accelerato, al termine del quale deve essere sostenuto un esame (opzione esercitata sullo Stato italiano);

- accesso diretto all'esame.

L'articolo 9 prescrive che i conducenti cittadini di Stati non membri possono acquisire la qualificazione iniziale nello Stato membro di residenza quale definita dall'articolo 14 del recolamento (CEE) n. 3821/85, ovvero la residenza normale.

I conducenti cittadini di un paese terzo acquisiscono tale formazione nello Stato membro nel quale è stabilita l'impresa o nello Stato membro che ha rilasciato un permesso di lavoro.

A tutela dei diritti acquisiti, inoltre, l'art. 4 della medesima direttiva prevede che la formazione iniziale possa essere comprovata (e dunque possa esserne ritenuto assolto il relativo obbligo) dal possesso di:

- patente di guida di categoria D1, D1+E, D, D+E, conseguita al piu tardi entro il 9 settembre 2008, per il trasporto professionale di persone;

- patente di guida di categoria C1, C1+E, C, C+E, conseguita al piu tardi entro il 9 settembre 2009, per il trasporto professionale di cose;

- attestato del conducente di cui al regolamento (CE) 484/2002, per il trasporto professionale di cose.

Pertanto, qualora un soggetto sia già titolare di una delle predette abitazioni, nel rispetto delle suddette, può continuare ad esercitare l'attività professionale di autotrasporto di persone e/o di cose senza dover frequentare alcun corso di formazione iniziale, nè sostenere alcun esame, e senza espletare alcuna ulteriore formalità (se non - se del caso - la valutazione di equipollenza della patente extracomunitaria posseduta), fino al momento in cui diventi necessario frequentare un corso di formazione periodica.

Continua a seguici su Facebook

seguici

Amici Accademici

502194
Oggi
Ieri
Questa settimana
Ultima settimana
Questo mese
Ultimo mese
Tutti
2041
1387
15296
476396
30772
40266
502194

Your IP: 54.224.121.67
2017-11-17 17:14

La tua Accademia in Franchising

Franchising accademia italia

Sei un istruttore / insegnante e vuoi metterti in proprio? Il franchising accademia italia è la soluzione per te!

Scopri Come

Please publish modules in offcanvas position.