CQC

B.1) Titolari di patente italiana

Nell’ordinamento interno, la CQC – configurata come patente professionale per l’esercizio dell’attività professionale di autotrasporto di persone e/o cose – si lega imprescindibilmente all’attribuzione di venti punti, distinti ed ulteriori rispetto a quelli propri attribuiti sulla patente “privata” posseduta dal conducente e presupposto indispensabile della stessa CQC.

Pertanto- nonostante non fosse adempimento previsto dalla direttiva se non successivamente alla prima formazione periodica(cfr. A.2) – il legislatore italiano ha ritenuto necessario che i conducenti autotrasportatori professionisti di persone e/o cose, titolari di  patente italiana conseguita entro le date predette (cfr. A.1), si dotassero di CQC, attraverso una procedura di rilascio sulla base di una mera esibizione documentale della patente posseduta.

Evidentemente, ai fini del rilascio della CQC per il trasporto di persone, olre alla patente di categoria D o D+E, deve essere esibito anche il certificato di abilitazione professionale di tipo KD (di seguito CAP di tipo KD), che in Italia, fino alla data del 9 settembre 2008 era l’abilitazione richiesta per l’esercizio del trasporto professionale di persone (art. 17, co. 1, lett. a) d.lg n. 285/2006).

Continua a seguici su Facebook

seguici

Amici Accademici

502192
Oggi
Ieri
Questa settimana
Ultima settimana
Questo mese
Ultimo mese
Tutti
2039
1387
15294
476396
30770
40266
502192

Your IP: 54.224.121.67
2017-11-17 17:13

La tua Accademia in Franchising

Franchising accademia italia

Sei un istruttore / insegnante e vuoi metterti in proprio? Il franchising accademia italia è la soluzione per te!

Scopri Come

Please publish modules in offcanvas position.